Home » In pratica » Un database di libri su Evernote

Un database di libri su Evernote

Ho già parlato in questo blog di Evernote, il mio sistema di archiviazione dove memorizzo sostanzialmente di tutto: dalle bollette ai manuali di istruzione, dal libretto di circolazione della macchina agli articoli interessanti trovati sul web, dai documenti di viaggio agli appunti su qualunque cosa.

Di recente ho iniziato a compilare anche un database dei miei libri. 

Per ciascun libro della mia “biblioteca”, cioè, creo una Nota; e in essa includo:

  • Un’immagine della copertina;
  • Le informazioni utili (autore, titolo, editore… ma anche altre, come ad esempio la posizione nei miei scaffali);
  • Immagini di pagine sottolineate particolarmente interessanti;
  • Immagini di eventuali appunti presi in calce (ho l’abitudine a scriverli sulla quarta di copertina o sulle pagine bianche che trovo!)

Gli ultimi due punti possono poi essere elaborati in Evernote per aggiungere, mediante le funzionalità di Annotazione, ulteriori sottolineature o appunti o elementi grafici.

Ma andiamo per gradi!

Catturare la copertina

Per prima cosa, utilizzo l’app Evernote sullo smartphone per acquisire una foto della copertina, usando la fotocamera dello stesso:

foto

Evernote crea quindi una Nota (nel taccuino di default) contenente l’immagine.

Questo a che scopo? La memoria visiva è particolarmente importante e non di rado mi trovo a cercare un libro (o un CD, o una rivista…) sulla base del colore o delle forme che ricordo siano presenti in copertina. Inoltre, va da sé che quest’ultima contiene le informazioni di base.

Completare la Nota

Successivamente, apro la Nota sulla versione desktop di Evernote (ma potrei farlo anche nell’app) e le assegno un titolo, usando la formulazione “Autore (cognome e nome), Titolo”.

Clipboard01

(Cliccare per ingrandire)

Quindi assegno anche i tag (ovvero le etichette) alla Nota.

Qui apro una parentesi: personalmente, faccio un uso molto estensivo dei tag… tanto che praticamente tutte le mie note sono contenute in un unico Taccuino (“ARCHIVIO”) e distinte unicamente coi tag! Come potete vedere nella barra di sinistra nell’immagine sopra, la mia gerarchia di tag è abbastanza estesa! Poi magari in un altro articolo spiegherò come mai preferisco usare questo sistema, e non la “atomizzazione” delle Note in vari Taccuini…

Alle Note dei libri io assegno sempre il tag “Bibioteca“, più uno o più tag che mi servono a descrivere il tema del libro. Nella fattispecie, a questo libro ho assegnato anche il tag “Zen“.

Se è necessaria qualche altra informazione, la digito in calce alla copertina.

Annotare le pagine

Se c’è qualche pagina o appunto che ritengo opportuno archiviare insieme alla copertina, la acquisisco sempre con lo smartphone, aggiungendola alla Nota.

Poi utilizzo la già citata funzione “Annota” per aprire l’immagine della pagina, ed aggiungere eventuali elementi a corredo quali sottolineature o altri testi:

Clipboard02

Naturalmente, alla Nota posso aggiungere altre pagine del libro…

Gestire le Note

Per avere un panorama dell’intera biblioteca, mi è sufficiente cercare le note con il tag (appunto) “Biblioteca”. Ordinate per titolo, forniscono anche una sequenza per autore:

(Cliccare per ingrandire)

(Cliccare per ingrandire)

Evernote permette di trovare le informazioni della mia “Biblioteca” in modo velocissimo, e questo è un vantaggio mica da poco!, considerando che le funzioni di ricerca in Evernote sono particolarmente raffinate e includono anche i testi nelle immagini.

Ma non è certo l’unico vantaggio. Posso fare ben altro. A corredo del libro, infatti, posso:

  • Aggiungere uno scritto (ad esempio appunti presi durante una rilettura);
  • Aggiungere altre immagini;
  • Aggiungere un allegato (Word, PDF, ecc.);
  • Associare un promemoria, per ricordarmi che devo farci una determinata cosa.

Inoltre posso:

  • Condividere il libro con un amico, magari per invogliarlo a leggerlo.
  • Copiare il collegamento al libro (tasto destro sulla Nota, e poi “Copia collegamento nota”) per incollarlo su un’altra Nota.

 

Sì, ma… gli e-book?

Catalogo anche quelli! 😉

L’unica differenza, consiste nell’inserimento in Nota di una minuta della copertina cartacea, e di tutte le sottolineature fatte sul Kindle – come si vede qui sotto nel caso di “On Writing”:

Clipboard04

Quest’ultimo aspetto è meno banale di quanto si pensi, almeno con gli e-book Amazon… perché i lettori Kindle (anche quello web) non permettono di fare “copia e incolla”, quindi non c’è modo di trasferire le porzioni di testo sottolineate su un altro documento.

Esiste però un barbatrucco (!) descritto da Michael Hyatt sul suo sito, al quale vi rimando (è in inglese): “How to Get Your Kindle Highlights into Evernote “.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s