Home » Racconti personali » Cose che non sopporto

Cose che non sopporto

CavalloImpazzito

E perché mi danno fastidio? Non lo so. Una motivazione razionale, non c’è.

Ho però pensato che magari, scrivendole, potrebbero diventare meno fastidiose.

Ecco quindi qui.

“Buon appetito!”

Mi da’ ai nervi.

Infondo è pure una cosa carina, è un buon augurio!

Mocché. Faccio pure fatica a dirlo.

I colletti delle polo alzati

Arriva la stagione estiva, e spuntano come funghi. Magari con scritte belle evidenti sotto.

Perché?, mi chiedo io… perché??

René Lacoste inventò la polo col colletto “elevabile”, unicamente per proteggere la nuca dal sole. Non come appendice aerodinamica, o peggio cartellone pubblicitario per quello che sta sotto.

La ‘freccia’ agli indiani

Ci vuole tanto, a inserire questo maledetto indicatore di direzione?

Ad esempio quando si esce dalla rotonda?

(Ah: se la metti subito prima di girare, non vale.)

Risposta non c’è, o forse chi lo sa

Sarò ingenuo, ma se scrivo una e-mail a qualcuno (sia personale, sia di lavoro) mi aspetto una risposta in tempi ragionevoli.

Abbiamo (quasi) tutti uno smartphone, e la posta elettronica si consulta anche dal water. Non esistono scuse. Rispondere è cortesia, sempre.

Vanno bene anche due righe, non importa scrivere “Guerra e pace”. Basta rispondere

“Ancora niente figli?”

Mind your own business, please.

Il signor Wolf

E’ il personaggio di “Pulp Fiction” interpretato da Harvey Keitel; quello che “risolve problemi”:

Ogni tanto qualcuno (al lavoro e fuori) si mette in testa che io sia una versione del Signor Wolf in ambito informatico. Che abbia la bacchetta magica per risolvere questo o quel problema.

Però io sono laureato in Chimica, non in Informatica.

La cosa bella è poi questa: se trovo difficoltà, s’incavolano pure!

“Posso aiutarla?”

No, sono entrato in questo negozio per dare un’occhiata.

Dovrebbe essere evidente, dato che sto ciondolando qua e là.

Se ho bisogno di aiuto, lo chiedo; e trovo logico: è il suo lavoro!

“La SEO è una cosa difficile senza call to action!”

Ma parla come mangi, porco mondo!!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s