Home » Racconti personali » 99 giorni di libertà da Facebook

99 giorni di libertà da Facebook

11 Luglio 2014: comincia la libertà!

11 Luglio 2014: comincia la libertà!

Oggi è il giorno in cui ho aderito, non senza una certa soddisfazione, al programma “99 days of freedom“.

E’ l’iniziativa di un’agenzia creativa olandese nata sull’onda di un esperimento controverso condotto dall’Università di Princeton con l’aiuto di Facebook.

In questo esperimento, le bacheche di un campione elevato di utenti (689mila) sono state alterate per dimostrare come sia possibile indurre uno stato emozionale (o meglio “emotional contagion” come lo chiamano loro, contagio emozionale).

In sostanza, le emozioni negative dei nostri contatti finiscono per influenzarci, e renderci a nostra volta negativi; e la medesima cosa può dirsi per le emozioni positive.

Non che vi fossero troppi dubbi, dato che la stessa cosa avviene anche nella vita reale (il capo “storto” fa nero anche il nostro umore!). E non c’è dubbio che gli amici olandesi hanno tutto l’interesse a farsi pubblicità.

Però m’è parsa un’iniziativa carina; e forse non aspettavo altro (!), avendo recentemente espresso la mia poca stima per Facebook. Stando ai dati di traffico della stessa società americana, ogni utente spende in media 17 minuti al giorno sul loro portale: in tre mesi, fanno 28 ore di tempo in più!

Dunque non mi dispiace certo restarmene fuori fino al… 18 Ottobre!

Come fare?

E’ semplice. Si va sul sito, e si scarica una nuova immagine del profilo Facebook:

new-profile-picture

Dopo averla inserita in Facebook, si torna sul sito e si digita il proprio nome e (opzionale) la propria e-mail. Quindi si preme “Create Countdown”, e viene visualizzato un conto alla rovescia che comincia non appena lo si condivide su Facebook. Si tratta dell’immagine che ho postato all’inizio dell’articolo.

Fornendo la propria e-mail, sarà poi possibile inviare un feedback al “traguardo” di 33, 66, e 99 giorni.

Ma tra il dire e il fare…

Certo, bisogna un po’ attrezzarsi. E questo la dice lunga su quanto Facebook abbia “invaso” la nostra vita sulla rete.

In particolare, ho provveduto a:

  • Disattivare tutte le notifiche via e-mail di Facebook.
  • Disattivare tutti i servizi automatici che pubblicavano su Facebook per conto mio (ad esempio le ricette di If This Then That, oppure gli automatismi di WordPress per la pubblicazione istantanea).
  • Eliminare le app di Facebook sullo smartphone e sul tablet. E’ fondamentale: se c’è l’app, si può essere tentati di usarla.
  • Eliminare l’account Facebook dallo smartphone e dal tablet. Stessa cosa.
  • Fare logout da Facebook su Google Chrome, e installare l’add-on SiteBlock per bloccarne l’accesso (non si sa mai!).

…e per ora non m’è venuto in mente nient’altro!

Vedremo come andrà a finire! ;-)

About these ads

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s